top of page
  • Immagine del redattorePasquale Buonpane

Rosalia alpina (Linnaeus, 1758).

Aggiornamento: 7 mag


 


Rosalia alpina è un coleottero della famiglia Cerambycidae ed è tra i coleotteri europei di maggiori dimensioni con una lunghezza del corpo che può arrivare a 40 mm. Linneo descrisse la specie nel 1758, basandosi su un campione raccolto in Svizzera (valle Taminatal, nell’odierno cantone di San Gallo) il 12 luglio 1703 da Johann Jakob Scheuchzer. L’epiteto specifico “alpina” si riferisce quindi al luogo in cui fu raccolto il campione sebbene la specie non viva esclusivamente sulle Alpi: l’areale di diffusione va dalla Spagna e dall’Europa centrale alla Siria, al Caucaso al sud degli Urali ed alla Bielorussia. In Europa è presente soprattutto nelle zone montane dei Pirenei, delle Alpi, degli Appennini, dei Carpazi e dei Balcani. La Rosalia per il suo aspetto difficilmente può essere confusa con altre specie: le elitre sono da grigio-blu al blu chiaro, più chiare ai margini e presentano appariscenti chiazze nere che variano per forma e dimensione permettendo di distinguere un individuo dall’altro. Le lunghe antenne portano ciuffi di peli neri tra il terzo e il sesto articolo. I maschi si differenziano dalle femmine per le antenne lunghe quasi il doppio di quelle di queste ultime e per le mandibole più larghe che presentano una spina nella parte esterna.

La Rosalia predilige i boschi di faggio: le larve si sviluppano nei tronchi di alberi morti nutrendosi del legno. Le femmine scelgono di preferenza tronchi asciutti esposti al sole per la deposizione delle uova, siti più idonei sia alla deposizione stessa che allo sviluppo delle larve che dura dai due ai quattro anni. Uno sfruttamento delle risorse boschive più attento alle esigenze umane che a quelle degli organismi che vivono nei boschi, negli anni ha portato alla progressiva rarefazione dei siti idonei alla riproduzione di questo coleottero che un tempo era molto diffuso mentre ai giorni nostri risulta scomparso in molte zone d’Europa e corre seri rischi di estinzione. Questa specie, da molti considerata la più bella tra i coleotteri europei, è una specie emblematica (o specie faro), una specie cioè che ha destato e desta l’interesse del pubblico perché è bella, attraente e minacciata di estinzione. Questo ha fatto sì che venissero prese dalle istituzioni misure atte a proteggerla. In Europa è protetta a diversi livelli: l’OCSE l’ha inserita tra le specie protette in tutti i paesi europei con la Convenzione di Berna del ‘79, l’UE l’ha classificata tra le specie prioritarie di interesse pubblico nella direttiva 92/94/CEE del Consiglio Europeo. Rosalia alpina è inoltre iscritta nelle liste rosse internazionali dell’ IUCN.



 

Piana delle Secine - 12 luglio 2015.


 

Piana delle Secine - 10 luglio 2016.


 

Piana delle Secine - 31 luglio 2017


 

Le Tornore - 30 luglio 2018.


 

Piedimonte Matese, 7 luglio 2021.


 

Campo Rotondo - 31 agosto 2022.


 

Piana delle Sécine - 24 luglio 2023.

255 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page